single_tour_bg_1

Visitare Il Maschio Angioino

Il Maschio Angioino è uno dei simboli più importanti della città di Napoli. Probabilmente ti sarà già capitato di vederlo nelle foto di un calendario, di una vecchia cartolina o su una guida viaggi. La sua origine, il suo nucleo antico, risale al XIII secolo e all’iniziativa di Carlo I d’Angiò. Il progetto fu assegnato all’architetto francese Pierre de Chaulnes e i lavori per la sua realizzazione cominciarono nel 1279 per terminare tre anni dopo solamente. Le tante battaglie e conquiste succedutesi nel corso di secoli ne hanno cambiato notevolmente la struttura. Nel 1443 Alfonso d’Aragona conquistò il trono di Napoli e la fortezza venne completamente ricostruita nelle forme attuali. All’interno del Maschio Angioino è presente un percorso museale che comprende la trecentesca cappella Palatina passando poi per la sala dell’Armeria fino ad arrivare al primo e secondo livello del castello, destinati alla pittura ed alla scultura. Al primo piano sono esposti affreschi e dipinti essenzialmente di committenza religiosa, realizzati dal XV al XVIII secolo. E’ possibile ammirare dipinti di importanti artisti caravaggisti come Battistello Caracciolo e Fabrizio Santafede, e di importanti esponenti del barocco napoletano, come Luca Giordano, Francesco Solimena e Mattia Preti. Al secondo piano invece ci sono esposte opere che vanno dal XVIII al XX secolo. Altre sale del castello sono infine destinate a mostre ed iniziative culturali a carattere temporaneo.

Someone famous in Body of work

Leave a Comment

Your email address will not be published. All fields are required.